domenica 3 agosto 2014

FEDERICO GARCIA LORCA.



Notte dell'amore insonne

Notte alta, noi due e la luna piena;
io che piangevo, mentre tu ridevi.
Un dio era il tuo scherno; i miei lamenti
attimi e colombe incatenate.

Notte bassa, noi due. Cristallo e pena,
piangevi tu in profonde lontananze.
La mia angoscia era un gruppo di agonie
sopra il tuo cuore debole di sabbia.

L'alba ci ricongiunse sopra il letto,
le bocche su quel gelido fluire
di un sangue che dilaga senza fine.

Penetrò il sole la veranda chiusa
e il corallo della vita aprì i suoi rami
sopra il mio cuore nel sudario avvolto

2 commenti:

  1. Grazie Luigi!
    Sono cresciuta con le poesie di Lorca
    e hanno lasciato l'impronta dentro di me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me è stato un faro, lui più di tutti.

      Elimina